Forte di Bard

Museo 14/07/2020

Il Forte di Bard, rimasto pressoché intatto dal momento della sua costruzione, rappresenta uno dei migliori esempi di fortezza di sbarramento di primo Ottocento.

La piazzaforte posta all’ingresso della Valle d’Aosta è costituita da tre principali corpi di fabbrica, posti a diversi livelli, tra i 400 e i 467 metri: dal più basso, l'Opera Ferdinando, a quello mediano, l'Opera Vittorio, fino al più alto, l'Opera Carlo Alberto per un totale di 283 locali. Al suo interno, il Museo delle Fortificazioni e delle Frontiere propone un coinvolgente viaggio attraverso l’evoluzione delle tecniche difensive, dei sistemi di assedio e del concetto di frontiera.

A circa metà della rocca sorge l'Opera Vittorio, che ospita Le Alpi dei Ragazzi, un percorso interattivo interamente dedicato ai più giovani di avvicinamento all'alpinismo in cui ci si può cimentare in un'ascensione al Monte Bianco.

Al culmine, la più imponente delle tre opere è formata da una cinta su cui si appoggiano tutti i fabbricati e che racchiude al suo interno l'Opera di Gola, con il relativo cortile, e l'Opera Carlo Alberto con il grande cortile quadrangolare della Piazza d'Armi, circondato da un ampio porticato. Il primo piano dell'Opera ospita il Museo delle Alpi mentre al pianterreno si affacciano gli spazi dedicati alle mostre temporanee (Cannoniere, Cantine, Corpo di Guardia) e lo spazio Vallée Culture.

All'interno dell'Opera Carlo Alberto si trovano anche le Prigioni, ventiquattro celle di detenzione disposte lungo quattro sezioni.

 

Il forte di Bard ospita prestigiose mostre durante tutto l’anno. Attualmente sono in corso tre esposizioni dedicate alla fotografia. Fino al 13 settembre Wildlife Photographer of the year ripercorre gli scatti più spettacolari realizzati nel 2019, con 100 immagini che testimoniano il lato più affascinante del mondo animale e vegetale, tra sorprendenti ritratti rubati e sublimi paesaggi del nostro pianeta. PhotoAnsa 2019 PhotoAnsa presenta le immagini più significative dell’anno passato, dei grandi fatti di attualità in Italia e nel mondo, realizzate dai fotografi della principale agenzia stampa del nostro Paese. Fino al 4 ottobre le opere toccano moltissimi temi quali le tragedie dei migranti, le campagne di sensibilizzazione dei giovani di tutto il mondo in piazza con la giovane attivista Greta Thunberg contro il cambiamento climatico, il rogo della cattedrale di Notre-Dame e le proteste dei gilet gialli a Parigi, l’odissea delle famiglie al confine messicano davanti al grande muro di Trump.

Infine, dal 1 agosto, è visitabile L’adieu des glaciers. Monte Rosa: ricerca fotografica e scientifica: un viaggio alla scoperta dei ghiacciai di alcune delle cime più note delle Alpi e dei cambiamenti in atto sotto il profilo climatico.

Condividi   

Ultime news

La posa della prima pietra di Castel Savoia, l'amata residenza dove la Regina Margherita di Savoia trascorse per un...
Leggi di più...
Percorrere le strade della Valle d’Aosta è come sfogliare un libro di storia, in un territorio di alte catene montuo...
Leggi di più...
Il Castello Gamba è arroccato su un promontorio roccioso, in posizione panoramica sul fondovalle, e fu eretto nei pr...
Leggi di più...
Le vicende del Castello Reale di Sarre, che domina l’accesso all’alta Vale, si snodano lungo mille anni di storia. S...
Leggi di più...